Condividi:


Afghanistan, a Sestri i progetti di accoglienza ci sono ma necessitano di più risorse

di Marco Garibaldi

L'assessore Lucia Pinasco: "Abbiamo dato disponibilità ad accogliere persone provenienti dall'Afghanistan. La nostra speranza è che arrivino risorse dal ministero"

Con l'assessore alle Politiche Sociali di Sestri Levante Lucia Pinasco abbiamo parlato accoglienza e più nello specifico di come è strutturato tutto sistema che opera sul territorio per l'integrazione nel tessuto sociale delle persone richiedenti asilo.

"Siamo attivi dal 2015 nell'accoglienza di persone richiedenti asilo con progetti di inserimento. Al momento sono rimasti i due progetti Sprar: uno a Castiglione Chiavarese per le donne e uno per gli uomini a Sestri Levante. In tutto accogliamo 22 persone".

Inevitabile anche una riflessione sulla situazione in Afghanistan. Nelle scorse ore il sindaco di Sestri Levante Valentina Ghio si è detta disponibile disponibile ad accogliere afgani in fuga: 

"Sestri Levante, se dal Governo verrà data la possibilità, è disponibile ad ampliare il progetto di accoglienza Sai (ex Sprar) per accogliere da subito afgane e afgani in fuga dall'orrore. Non basta l'indignazione occorre agire".

Anche l'assessore Pinasco sottolinea la disponibilità:

"Abbiamo dato disponibilità al ministero ad accogliere persone provenienti dall'Afghanistan, naturalmente  è il ministero che poi ci invierà eventualmente qualcuno. La nostra speranza è che si ampli il progetto di accoglienza e che quindi vengano messe ulteriori risorse per permettere l'individuazione di nuovi spazi per l'accoglienza".