Condividi:


Scuola, si valuta l'ipotesi Green Pass per il personale

di Marco Garibaldi

Il Comitato tecnico scientifico chiede alle istituzioni una sterzata per immunizzare professori, personale Ata e addetti alle mense

A settembre riprenderanno le lezioni in presenza in tutta Italia e si pensa a come garantire la sicurezza delle scuole e degli studenti di fronte al Covid.

Il Comitato tecnico scientifico chiede alle istituzioni una sterzata per immunizzare professori, personale Ata e addetti alle mense in vista della riapertura della scuola a settembre. L'ipotesi, avanzata in questi giorni di discussione sul Green Pass, è proprio di legare l'accesso agli istituti ai soli docenti e collaboratori che hanno completato il ciclo vaccinale.

Questa richiesta sottindende dunque la necessità per il Cts di continuare con le lezioni in presenza adottando però delle misure, anche legislative, per garantire la vaccinazione al personale scolastico.

Qualche novità e conferma in più sul Green Pass, a scuola ma non solo, potrebbe arrivare domani, martedì 20 luglio, a seguito dell'incontro nella cabina di regia.

"La vaccinazione costituisce, ad oggi, la misura di prevenzione pubblica fondamentale per contenere la diffusione della Sars-CoV-2. È, dunque, essenziale, per evitare di dover rinunciare alla didattica in presenza, oltre che alle altre attività di socializzazione in ambiente scolastico, e nel contempo impedire che si generino focolai di infezione, promuovere la vaccinazione nella scuola - si legge nel verbale della riunione del Cts in risposta ai quesiti posti dal ministero dell’Istruzione - Il perseguimento di tali obiettivo giustifica, ad avviso del Cts, l’inserimento-mantenimento del personale della scuola tra le categorie da vaccinare prioritariamente e, vista la recente approvazione del vaccino di Pfizer/BioNTechdai 12 ai 15 anni, l’inserimento, in tali categorie, degli studenti di età eguale o superiore ai 12 anni”.