Camogli, turismo a "chilometro zero" per salvare la stagione 2020

di Chiara Sivori

Il maltempo ha rallentato la ripartenza, ma i primi visitatori (sopratutto dalle regioni del Nord) cominciano ad animare la città

Italiano (sopratutto proveniente dalle regioni del Nord), spesso proprietario di una seconda casa in zona e in cerca di qualche ora di pace a poca distanza dalla propria regione. E' questo l'identikit del turista medio a Camogli in un weekend di giugno segnato dagli strasichi dell'emergenza Covid 19. Il maltempo che ha colpito la Liguria negli ultimi giorni ha allontanato molti visitatori, quindi fare previsioni sulla base di quanto si è visto a partire dalla fine del lockdown fino ad oggi è complicato. Ne è convinto uno dei  titolari della compagnia di battelli Golfo Paradiso, Franco Chiaschetti: "Un po' di gente comincia a vedersi, ma con questo mare mosso siamo stati costretti a limitare i collegamenti. Oggi possiamo portare i passeggeri sono fino a Punta Chiappa".

Anche le strutture ricettive di Camogli dovranno affrontare una stagione che si preannuncia difficile. Nello storico hotel Cenobio dei Dogi c'è consapevolezza sulla complessità della situazione, ma anche tanta voglia di tornare in pista. L'hotel ha riaperto le sue porte il 12 giugno, ed ora è pronto ad accogliere gli ospiti in tutta sicurezza. Paola Pastine, vice direttrice della struttura, è fiduciosa: "La riapertura per il Cenobio dei Dogi sta andando bene, abbiamo avuto un buon riscontro da parte dei clienti. C'è molta voglia di ripartenza". 

L'estate 2020 sarà con ogni probabilità caratterizzata da un turismo di prossimità: gli italiani rinunciano alle mete esotiche per riscoprire le bellezze del territorio, magari sfruttando le seconde case. Una curiosità: alle agenzie immobiliari di Camogli stanno arrivando diverse richieste di affitto provenienti da genovesi; una vera e propria villeggiatura a chilometro zero. 

Nonostante il tempo incerto e il mare mosso, molti non hanno voluto rinunciare alla tintarella: tante le persone che si sono radunate sulla spiaggia di Camogli, ai piedi della basilica di Santa Maria Assunta e del castello della Dragonara, così come sui sentieri panoramici del Parco naturale di Portofino.

Mare, montagna e cultura: Camogli e la Liguria hanno molto da offrire ai visitatori.