Elezioni regionali, Forza Italia si avvicina ai delusi di Italia Viva

di Redazione

Il coordinatore di FI Bagnasco dialoga con l'ex sindaco di Sarzana Cavarra per ampliare il progetto del "nuovo grande centro dei moderati"

Dopo l'accordo con l'associazione di Claudio Scajola Polis e Liguria Popolare di Andrea Costa per correre insieme alle regionali, il sindaco di Rapallo e coordinatore ligure di Forza Italia Carlo Bagnasco sta dialogando con diversi esponenti politici "delusi" da Italia Viva, compreso l'ex sindaco di Sarzana Alessio Cavarra. Cavarra, già sostenitore di Renzi e candidato alle primarie per la segreteria regionale del Pd nel 2014, ha fatto parte di Italia viva fin dalla sua fondazione, per poi lasciarla a luglio in polemica con la leader regionale del partito Raffaella Paita

A confermare l'esistenza di una trattativa è lo stesso Cavarra, che però conferma la scelta di non candidarsi alle Regionali e di voler mantenere una propria identità politica: "Dopo essere uscito da Italia Viva ho deciso insieme ad altri di intraprendere un nuovo progetto liberale e riformista di centro civico  che vuol dialogare con i movimenti di centro. C'è un' interlocuzione aperta anche con Forza Italia, ma il mio progetto è autonomo rispetto a Liguria popolare e sottolineo che non mi candido alle regionali. Vogliamo anticipare un percorso politico che sono convinto nel giro di poco  nascerà anche a livello nazionale".

"Sono convinto che il nuovo progetto di centro, frutto dell'accordo tra Fi, i popolari e con l'associazione civica di Claudio Scajola, sarà determinante per la vittoria di Giovanni Toti", commenta Carlo Bagnasco. "Abbiamo aperto un confronto con Cavarra, che non è ancora entrato ufficialmente in alcun schieramento, ma insieme ai suoi collaboratori è vicino a un progetto di centro come il nostro. Non penso che voterà da un'altra parte".