Condividi:


Covid Liguria: Bassetti: "Chi riesce a sognare anche in mezzo a un incubo ha una marcia in più"

di Anna Li Vigni

Castellitto: "L'intrattenimento come vaccino contro malinconia, depressione e tristezza"

Il 28 febbraio 2020 la prima vittima del Covid-19 nella nostra regione. "Una lezione da non dimenticare" è la cronaca di un anno difficile per tutti.

In primis per chi lavora negli ospedali e nella sanità. Per chi vive ogni giorno il dramma della perdita di un caro. Per chi resiste e tiene duro tra chiusure e misure di restrizione. Per chi non sta lavorando e inizia a perdere la speranza del domani. Per chi studia per un futuro migliore passando ore e ore davanti a uno schermo. Ricordare e rivivere può essere un modo per affrontare meglio l'incubo che stiamo vivendo.

Artefice della lettura di alcuni passi tratti dal libro di Matteo Bassetti, è l'attore Sergio Castellitto accompagnato da un quartetto d'archi dell'orchestra del Carlo Felice. Le immagini di Genova dall'alto e il racconto crudo e vero di chi ha vissuto dall'ospedale un'emergenza che ancora oggi genera ansia e preoccupazione pur iniziando a "vedere la luce in fondo al tunnel" con il vaccino che rappresenta la soluzione, almeno ad oggi, alla battaglia contro il Sars-Cov2. Carica o Seleziona

"Dalla pandemia abbiamo imparato a capire quanto siamo fragili", spiega Sergio Castellitto. Da qui la funzione degli attori e degli artisti che testimoniano e raccontano e che sono stati lasciati da parte. Nei salotti televisivi solo medici ed esperti. Ma c'è bisogno anche della fantasia e dell'immaginazione.