Condividi:


Retroscena svelati sul "Concerto Ritrovato" di De André

di Redazione

La lettera che getta luce su altre verità delle riprese di "Fabrizio De André & Pfm"

Lettera alla redazione, che riceviamo e pubblichiamo.

 

"L’incipit del film “Fabrizio De André & Pfm. Il concerto ritrovato” e vari articoli pubblicati riportano le dichiarazioni di Piero Frattari che sostiene di essere stato il regista delle le riprese di quel concerto.

La realtà è diversa.Nel 1979 Piero Frattari era un operatore di ripresa. 

Le riprese del concerto, mai affidate a Frattari che non era presente nemmeno in veste di operatore, vennero realizzate da Andrea Barelli, Paolo Bistagnino Franco Leo, Michele Saponaro e Roberto Paolessi.

In seguito Fabrizio De André chiese di non divulgarle e non furono mai trasmesse.

Quando la televisione per cui lavorava cessò le attività, le attrezzature e l’archivio vennero cedute  e furono  acquisite dalla società Vidigraph, allora di proprietà di Andrea Barelli e Piero Frattari e abbandonata da Andrea Barelli alla fine del 1990.

Oggi Frattari, che ha conservato l’archivio , detiene solo la proprietà del supporto magnetico vale a dire  le cassette che contengono il montaggio del concerto, omette di citare i reali autori e tecnici e, intestandosi una paternità inesistente, ne dispone come se i contenuti fossero cosa sua.

Piero Frattari, in sostanza, ha conservato quelle cassette le ha digitalizzate e rimesse in circolazione ma non è, a  differenza di quanto sostiene, il regista del concerto che nessuno mai gli ha proposto di riprendere, non è mai stato davanti a quel palco e, come risulta evidente dalle sue stesse affermazioni, non ha idea di come siano state effettuate le riprese. Non sa cosa, a parte la telecamera fissa, sia stato usato e non sa che Fabrizio De André non solo non ha mai preteso che non si vedessero gli operatori ma che prima del concerto vincendo la sua timidezza, è  andato a vedere il set per dare il suo tacito assenso su come era stata sistemata la postazione fissa: ben visibile.

 

Andrea Barelli e Paolo Bistagnino, Franco Leo, e Roberto Paolessi. (Michele Saponaro è deceduto) "