Condividi:


Toti duro contro i no-vax: "Dalle piazze ho sentito solo un mare di minchiate"

di Alessandro Bacci

"Sono venuti sotto casa mia. Agitano complotti delle multinazionali farmaceutiche, ripetono frasi senza giudizio. In mezzo c’è di tutto: anti 5g, terrapiattisti"

Giovanni Toti in una lunga intervista rilasciata a "Il Foglio", è tornato a parlare delle proteste osservate nei giorni scorsi in tutta Italia contro il green pass. Il presidente non ha usato mezzo termini contro i no-vax che nei giorni scorsi lo hanno accusato i essere un dittatore: “Dicono che sono un dittatore ma i veri dittatori sono loro. Non si vogliono vaccinare e spingono il paese verso la chiusura e verso nuove restrizioni. Hanno un’idea arbitraria della libertà. E’ una schiuma di scoppiati. Agitano complotti delle multinazionali farmaceutiche, ripetono frasi senza giudizio. In mezzo c’è di tutto: anti 5g, terrapiattisti. Nessuno è contro le manifestazioni del pensiero, ma nelle piazze no vax, francamente, ho sentito solo un mare di minchiate”.
 
Toti parlando delle manifestazioni ha poi svelato: "Pure a Genova sono venuti sotto casa mia. Si aggiravano sotto i palazzi delle istituzioni. Di sicuro non mi spaventano".
 
Che effetto ha avuto l'obbligo del green pass in Liguria? "Da 1.500 prenotazioni siamo passati a 8.000 prenotazioni al giorno. E' stato un grande incentivo e in un momento cruciale. Voglio ricordarlo: il Covid non è finito. Adesso dobbiamo marciare, spendere i soldi del Recovery. Serve la ragionevolezza".