Condividi:


Savona, miracolo delle medicina: reimpiantata una mano amputata da un'ascia

di Alessandro Bacci

Un uomo aveva perso l'arto spaccando la legna, dopo 7 ore di intervento l’Equipe del Centro “Renzo Mantero ha restituito la mano al 63enne

Nella notte tra lunedì 1 e martedi 2 febbraio l’Equipe del Centro Regionale di Chirurgia della mano “Renzo Mantero” diretto dal Prof. Mario Igor Rossello, ha compiuto l’ennesimo intervento di altissima specializzazione reimpiantando una intera mano amputata da un’ascia meccanica.

Il paziente,  D.F., uomo di anni 63, ha subito la lesione spaccando la legna nell’entroterra Chiavarese, e grazie all’efficienza del servizio 118, è stato immediatamente trasportato al Centro savonese per l’intervento di reimpianto; la velocità del trasporto è stata cruciale per minimizzare il tempo tra amputazione e rivascolarizzazione del segmento. L’equipe chirurgica del Centro savonese è stata immediatamente allertata, e il Dott. Andrea Zoccolan, coadiuvato dai chirurghi Dott. Davide Greco e Dott.sa Irene Zotta, dall’anestesista Dott.sa Sarah Roverato e dal personale infermieristico composto da Pia Rini, Silvia Venturino e Roberta Rioma, ha ha così potuto iniziare immediatamente l’intervento non appena il paziente e l’arto sono giunti in sala operatoria, lavorando sulla mano amputata durante il completamento delle manovre anestesiologiche sul paziente. Una procedura estremamente complessa, per le caratteristiche  e il livello della lesione, che ha richiesto circa 7 ore di tempo, dalle ore 22 del giorno 1 febbraio, alle ore 5 del 2 febbraio. Un secondo intervento per migliorare il reflusso venoso è stato poi eseguito nel pomeriggio del 2 febbraio dal Dott. Carlo Rossello, coadiuvato dal Dott. Davide Greco e dal Dott. Emilio Ferrari.
Al controllo odierno, a 30 ore dal reimpianto, la mano appare ottimamente vascolarizzata, lasciando prevedere un ottimo recupero nel prossimo futuro.

“Ancora una volta si dimostra” - aggiunge il Dott. M.I. Rossello - “che il successo nella gestione di questi gravissimi traumi, che ormai da molti anni  il Centro savonese, ufficialmente riconosciuto nel sistema Italiano ed Europeo di emergenza traumatologica della mano, gestisce con la massima professionalità, parte da una perfetta organizzazione del sistema di emergenza/urgenza e dalla stretta osservanza del suo protocollo operativo così come delineato dal DIAR chirurgico regionale diretto dal prof. Ferdinando Cafiero.”