Condividi:


Sanità, Lista Toti contro Sansa: "A chiudere gli ospedali è stato il PD"

di Redazione

Matteo Cozzani, coordinatore della lista Toti Presidente, risponde al candidato giallo rosso sul tema della sanità

La sanità continua ad essere al centro del dibattito politico in vista delle regionali di settembre. Questa mattina Ferruccio Sansa, candidato della coalizione di centro sinistra, aveva commentato così la situazione della sanità in Liguria: "In ogni borgo e in ogni località, la prima richiesta è stata quella di migliorare la sanità. Le persone ci chiedono aiuto: alla Spezia, dove i cittadini del comprensorio sono stati costretti a curarsi fuori regione per un totale di 53 milioni di euro per mobilità passiva; 71 milioni se si conta tutta la Liguria". 

A stretto giro è arrivata la risposta di Matteo Cozzani, coordinatore della campagna elettorale della Lista Toti Presidente: "Caro Sansa, anche in tema di sanità un ripasso non guasta. L'amministrazione del Presidente Toti è da sempre attenta ai bisogni dei liguri, lavorando costantemente per avvicinare i servizi ai cittadini. Negli ultimi 5 anni sono stati aperti il Palazzo della Salute di Pegli, la Casa della Salute di Voltri, la nuova Casa della Salute di Quarto, gli ambulatori dell'ex ospedale S. Antonio ed è pronto il progetto anche per la Casa della Valpolcevara e Vallescrivia. È così che staremmo smantellando la sanità territoriale? Chi ha tagliato i presidi sanitari sono i suoi amici del Pd, soci di campagna elettorale, che nelle passate
legislature hanno chiuso pronto soccorso, tagliato posti letto, chiuso ospedali interi, lasciandoci in eredità una situazione a dir poco disastrosa, che in questi 5 anni la giunta Toti ha tentato in ogni modo di risanare".

La nota stampa continua:  "Durante l'emergenza Covid la nostra sanità si è completamente trasformata, sono stati creati in tempi record reparti ad hoc per fronteggiare l'emergenza e ogni ligure ha avuto le cure di cui ha aveva bisogno. Così come sta avvenendo anche adesso, mentre continuiamo a monitorare costantemente la situazione e tutti i reparti sono pronti a riattivarsi in caso di necessità. Se alcuni presidi sono ancora chiusi è per la sicurezza dei pazienti e dei medici, visto che sono sempre in vigore le
procedure di sicurezza covid. Ma Sansa di cosa parla? Non osiamo immaginare se a gestire l'emergenza ci fossero stati lui e i partiti che lo sostengono... che parlano a vanvera di cose che neanche conoscono! Per fortuna i liguri hanno buona memoria e lo dimostreranno...".