Condividi:


Sampdoria, top e flop: Thorsby e Augello da urlo, Ramirez la delusione

di Alessandro Bacci

Il bilancio di fine stagione. Ranieri, Quagliarella, Bereszynski tra i migliori, male La Gumina e Leris

Nono posto in classifica e una stagione oltre le aspettative. Tra i top della Sampdoria non poteva che esserci Claudio Ranieri: chiede i 52 punti a metà campionato, viene preso per un sognatore. Porta la Samp al nono posto in classifica, forse senza il gioco più spumeggiante della Serie A, ma la sua squadra è tremendamente efficace. Se ne va come un vero Sir, Claudio Ranieri voto 7,5.

Sbaglia, non si impegna e alla Sampdoria è sembrato un oggetto misterioso per tutto il campionato. Ha una tecnica sopraffina, totalmente sprecata: Ramirez è una delusione, voto 5.

La leggenda narra che stia ancora correndo sul prato del Ferraris alla ricerca di avversari: Thorsby è un carro armato, voto 7.

Ha sulle spalle l'intera responsabilità della fascia sinistra, la Samp non ha alternative a lui. Dalla prima all'ultima giornata mostra un costante miglioramento, gli errori sono pochi, i cross infiniti: Augello voto 7,5.

Para anche le mosche, urla per 90 minuti alla squadra, la sua crescita è esponenziale: finalmente il vero Audero, voto 7.

È un funambolo, ha la personalità dei grandi ma deve ancora crescere. Le premesse sono ottime, Damsgaard voto 6,5.

Corre, corre e corre ancora, si impegna ma non incide mai. La Gumina voto 5.

È il bersaglio delle critiche dei tifosi, non lascia mai il segno e si concede anche qualche errore di troppo. La fiducia di Ranieri non è mai mancata, ma di certo questo non basta: Leris voto 5.

“È vecchio, non può giocare dall'inizio, non vede più la porta” Quagliarella a 38 anni zittisce ancora tutti. Capocannoniere della squadra, trascinatore nei momenti difficili. Voto 7 per il capitano, inossidabile.

Tra i migliori non va dimenticato anche Colley: l'inizio è difficile ma nel finale di stagione diventa determinante: voto 6,5. Menzione anche per Bereszysnki, il polacco gioca un girone di ritorno a grandi livelli. Anche lui ha poche alternative sulla fascia destra e torna a macinare gioco e corsa. Un soldato affidabile, voto 6,5.