Porsche, Bmw e immobili: sequestrati beni alla borseggiatrice delle Cinque Terre

di Edoardo Cozza

Le indagini durate due anni: i carabinieri hanno individuato al 41enne, condanna oltre 70 volte per furto ed evasione

Derubava i turisti accalcati sui treni delle Cinque Terre e con i soldi ricavati ha comprato immobili e auto di lusso. I carabinieri di La Spezia e di Genova, coordinati dal sostituto procuratore della Dda Federico Manotti, hanno sequestrato alla donna, Sandela Cizmic, 41 anni, quattro conti correnti, 21 auto - tra cui una Bmw M3 cabriolet, una Audi A6, una Mercedes Glk, un'Alfa Romeo Mito e una Mini Cooper - e sei immobili. 

La misura è arrivata dopo le indagini scattate nel 2019 dopo la segnalazione di numerosi furti a turisti. Gli investigatori avevano individuato un gruppo di donne, che si confondevano ai villeggianti per sfilare i portafogli da pantaloni e zaini. A carico della donna risultano 60 condanne per furti e 15 per evasione. Gli investigatori hanno analizzato il tenore di vita della donna e dei suoi familiari e analizzato i movimenti bancari, riscontrando un divario di 150 mila euro tra quanto dichiarato e quanto realmente speso. 

Dalle indagini, inoltre, sono risultati numerosi cambi di valuta estera tra il 2015 - 2019 per un valore di 24 mila euro: tra i soldi cambiati dollari di Hong Kong e di Singapore, Yuan della Cina Popolare, Ringitt della Malaysia, Yen del Giappone. Dalle analisi bancarie è anche emerso l'acquisto di una Porche Panamera 4S a 120 mila euro poi rivenduta all'estero.