Condividi:


Ponte crollato a La Spezia, preoccupazione per i residenti

di Redazione

"Ci saremmo aspettati più attenzione e vicinanza sia da parte dell'Autorità di sistema portuale che dal sindaco"

A La Spezia il ponte della darsena Pagliari è stato messo in sicurezza fissando al suolo con un cavo d’acciaio il pennone alto 14 metri. Già nel fine settimana gli abitanti della palazzina che si affaccia sulla Darsena Pagliari, che erano stati evacuati per motivi di sicurezza, hanno fatto rientro nelle proprie abitazioni.

Nel frattempo, gli uffici dell’AdSP hanno emesso due nuove ordinanze per alleviare i disagi ed agevolare il lavoro delle aziende che operano all’interno della darsena Pagliari.

Sono state predisposte due aree di alaggio e varo provvisori delle imbarcazioni che potranno essere utilizzate nei giorni che saranno necessari a ripristinare l’uso del canale che dalla darsena conduce al mare. Una si trova in prossimità della darsena, per le imbarcazioni più grandi, ed una su Molo Italia per quelle di dimensioni più ridotte.

I residenti, rientrati nelle loro abitazioni, però fanno sentire la propria voce denunciando i disagi causati dalla vicenda. Nella notte tra domenica e lunedì un bullone è caduto dal ponte.  I carabinieri, intervenuti sul posto, hanno repertato il bullone per inserirlo assieme agli altri, almeno una decina, già raccolti nelle prime fasi di indagine.

"Non sono bastati i disagi che abbiamo subito per anni con la costruzione delle darsena e del ponte: sembrava di vivere in un cantiere. Ora dobbiamo rimanere a casa con l'ansia che la struttura, trattenuta da due sottili cavi d'acciaio e qualche blocco di cemento, possa piombarci addosso. E quando rimuoveranno il tutto - fanno sapere i residenti - dovremo essere nuovamente evacuati, a dimostrazione del pericolo che in qualche modo questo ponte rappresenta. Siamo stanchi e ci saremmo aspettati più attenzione e vicinanza sia da parte dell'Autorità di sistema portuale che dal sindaco. Invece sembra che l'unica cosa importante siano le aziende che operano all'interno della darsena".