Liguria, la rabbia dei ristoratori dopo la festa della Nazionale: "Non accetteremo nuove chiusure"

di Alessandro Bacci

#Protestaligure torna alla carica: "Troviamo sconcertanti ed inammissibili le immagini arrivate lunedì da Roma"

Le immagini della festa a Roma della Nazionale dopo la vittoria agli Europei ha riacceso la rabbia delle categorie più colpite in questi mesi di pandemia. I rappresentanti di #protestaligure hanno espresso il proprio disappunto attraverso un comunicato: "Come #protestaLigure troviamo sconcertanti ed inammissibili le immagini arrivate lunedì da Roma, dove le istituzioni hanno permesso lo svolgersi del passaggio del pullman scoperto per le vie della città causando grandissimi assembramenti di persone in un momento nuovamente critico a loro dire per l' aumentare dei contagi nella penisola. Contemporaneamente i telegiornali ed i giornali tornavano a parlare di rischio zone gialle pertanto essendo noi facenti parte di quelle attività che sono rimaste chiuse tre mesi della primavera 2020 e 6 mesi nell’autunno inverno 2020/2021, non possiamo accettare che si torni a parlare di eventuali chiusure."
 
"Chiediamo rispetto - continua il comunicato - nei modi e soprattutto nei fatti perché non accetteremo più di essere considerati gli untori e capri espiatori nel momento in cui i casi dovessero aumentare. Non possiamo continuare a lavorare sotto il ricatto di possibili chiusure e contemporaneamente vedere le immagini di Lunedì causate da scelte come minimo discutibili e francamente non in linea con quella che dovrebbe essere oggi la prudenza soprattutto da parte delle istituzioni. NOI CI SIAMO!"