Condividi:


Le giovani promesse del Mondiale di bocce sbarcano ad Alassio

di Marco Innocenti

150 atleti in arrivo da 24 paesi per contendersi gli otto titoli iridati in palio

Ventiquattro paesi e otto titoli in palio per una settimana di gare. E’ questo il programma del mondiale giovanile di bocce che, dal 24 al 28 settembre, vedrà sfilare ad Alassio le migliori giovani promesse della disciplina che si sfideranno sui campi del Palaravizza. Nella cittadina rivierasca, che da oltre 65 anni ospita la “Targa d’Oro” e che ha già ospitato grandi appuntamenti di levatura mondiale, il più atteso fra gli azzurri sarà senza dubbio Matteo Mana, già vincitore a soli 21 anni di un titolo Europeo Senior, proprio ad Alassio lo scorso anno. Ma ci sarà anche un ligure, il classe 2002 Stefano Sciutto, nato a Pietra Ligure e residente a Loano, con già al suo attivo due argenti e due bronzi giovanili.

“Un grande riconoscimento per la nostra regione e per Alassio in particolare – ha detto l’assessore Ilaria Cavo – che ha avuto il merito di credere in questo che è lo sport della nostra tradizione, con gli Europei e degli eventi che annualmente fanno diventare Alassio il centro di questo sport. Saranno tre anni importantissimi che partiranno con questo mondiale giovanile, in uno sport che solo apparentemente non è più per i giovani ma che invece non solo ha mantenuto la sua tradizione ma è arrivato anche ai più giovani”.