Condividi:


In Liguria nascerà l'albo dei locali storici d'intrattenimento

di Alessandro Bacci

Un modo per sostenere economicamente un settore distrutto dalla pandemia: "Locali come il Covo di Nord Est sono un simbolo della storia della nostra riviera"

Il Consiglio regionale della Liguria ha approvato all'unanimità una mozione che impegna la Giunta Toti a istituire un albo dei locali storici d'intrattenimento in Liguria e a sostenerli economicamente con forme di ristori a causa delle chiusure imposte dalla pandemia covid. Il documento presentato dai capigruppo Claudio Muzio (Forza Italia-Liguria Popolare) e Angelo Vaccarezza (Cambiamo!) impegna la Regione Liguria a "farsi parte attiva, in sede di Conferenza Stato-Regioni, affinché il settore dell'intrattenimento venga sostenuto adeguatamente dal Governo" e a "prevedere, per quanto di propria competenza e nelle forme meglio ritenute, misure di sostegno economico per questo settore.

A sollecitare controlli atti a contrastare l'abusivismo che danneggia gli operatori economici che si attengono al pieno rispetto delle norme". "Molti locali d'intrattenimento rappresentano delle vere e proprie attrazioni del territorio e la loro notorietà ha importanti ricadute anche a livello turistico. - sottolinea Muzio - Locali come il Covo di Nord Est sono diventati un brand, un simbolo della storia della nostra riviera. Purtroppo la pandemia covid, oltre alle drammatiche conseguenze sanitarie, ha generato una profonda crisi economica sia sul lato dell'offerta sia della domanda nel settore".