Condividi:


Il Genoa inchioda la macchina da goal di Gasperini: con l'Atalanta finisce 0-0

di Marco Innocenti

Il Grifone va vicino all'impresa, soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa, i bergamaschi premono ma non riescono a sfondare

Se riesci a mettere le briglie ad una schiacciasassi come l'Atalanta di queste ultime settimane, costringendo sullo 0-0 una vera e propria macchina da goal come quella messa a punto da Gasperini, vuol dire che hai fatto una gran bella partita. E il Genoa torna dal Gewiss Stadium di Bergamo proprio con questa convinzione, oltre che con un punticino utile per proseguire la corsa salvezza.

Anzi, nel primo tempo forse a fare meglio sono proprio i rossoblu di Ballardini che, con Shomurodov e Pjaca ispiratissimi là davanti, vanno vicini al goal in almeno un paio di occasioni. E' soprattutto l'uzbeko a far correre un brivido alla difesa nerazzurra quando all'8' sfiora il palo con un mancino dal limite dell'area e poi, al 39', si vede ribattere dal piedone di Gollini il colpo a botta sicura su un pallone vagante in area di rigore. E' però un Genoa che merita, più della stessa Atalanta, a dispetto dei 17 punti che dividono in classifica le due squadre. 

Nella ripresa, però, i bergamaschi iniziano piano piano a prendere campo e coraggio, a macinare gioco un'azione dopo l'altra ma il Genoa tiene botta. La squadra di Ballardini non è più in grado di ripartire come faceva nei primi 45' ma sa chiudere bene ogni spazio, costringendo Ilicic e compagni a sudarsi ogni mezza occasione. E non è un caso che l'opportunità più ghiotta per i bergamaschi arrivi sugli sviluppi di un calcio piazzato, con Hateboer che sorprende la difesa rossoblu e scarica un destro che scheggia la parte esterna del palo.

Alla fine, quindi, un punto d'oro quello meritatamente conquistato dal Genoa in casa dell'Atalanta, una squadra capace di segnare qualcosa come 40 reti in 16 giornate di campionato e che, nelle ultime settimane, aveva rifilato goleade a raffica ad ogni avversario. Buon esordio, per quasi un'ora, per il neo acquisto Strootman, pochi minuti e giudizio al momento ancora sospeso sul difensore camerunense Onguené.