Genova, urina su un palazzo e aggredisce gli agenti con un coltello: arrestato

di Alessandro Bacci

L'uomo è un 36enne senza fissa dimora e irregolare, ha aggredito i vigili con i pugni poi ha estratto una lama. Nello zaino aveva anche la droga

Ieri pomeriggio la polizia locale è intervenuta alle 00:15, nel corso dei normali servizi di contrasto al degrado nel centro storico di Genova, in piazza Cinque Lampadi, dove un uomo stava urinando sul muro di un caseggiato. Gli agenti si sono avvicinati e gli hanno chiesto i documenti per identificarlo e sanzionarlo. Da subito lo straniero, poi risultato un cittadino tunisino di 36 anni, senza fissa dimora, irregolare su territorio nazionale, si è dimostrato insofferente al controllo per poi aggredire gli operatori sferrando un pugno sul braccio di uno e un colpo allo stomaco di un altro. Quindi ha estratto dalla tasca un coltello a forma di roncola della lunghezza di 14,5 centimetri per brandirlo contro gli agenti, minacciandoli.
 
Il personale della Sicurezza Urbana è riuscito a disarmarlo e, a fatica, mentre continuava a tentare di colpire gli operanti, nella sede della Polizia locale di piazza Ortiz. Lì, nel corso della perquisizione personale e dello zaino, sono stati trovati anche un coltello svizzero, una scatola di metallo contenente cinque involucri di hashish del peso complessivo di 4,54 grammi e un barattolo di vetro con altra sostanza derivante dalla cannabis per un peso lordo di 12,32 grammi. L'uomo è stato arrestato per minacce e resistenza a pubblico ufficiale, porto di oggetti atti a offendere e spaccio e denunciato per l'inosservanza alla legge sull'immigrazione. Oggi è previsto il rito per direttissima.