Genova, una passerella sul Polcevera sarà intitolata alle 43 vittime di ponte Morandi

di Alessandro Bacci

La delibera approvata dal Comune. Un'altra scalinata a Boccadasse sarà invece dedicata a Piero Calamai, l'ultimo comandante dell'Andrea Doria

La Giunta comunale, su proposta dell’assessore ai servizi civici Massimo Nicolò, ha approvato la delibera di intitolazione di alcune aree di circolazione cittadine alle 43 vittime del crollo di ponte Morandi e a Piero Calamai. Alle 43 vittime del crollo di ponte Morandi, avvenuto il 14 agosto 2018, sarà dedicata la passerella pedonale sul Polcevera che collega via Perlasca a via 30 giugno 1960, nel Municipio VI Medio Ponente.

Piero Calamai, ultimo comandante dell’Andrea Doria, sarà intitolata la scalinata di collegamento tra il Belvedere “Edoardo Firpo” e il piazzale “Enrico Bassano” a Boccadasse, nel Municipio VIII Medio Levante. Calamai, nato a Genova il 25 dicembre 1897 e morto a Genova il 7 aprile 1972, è stato un comandante marittimo e capitano superiore di lungo corso, ricordato per essere stato l’ultimo comandante del transatlantico Andrea Doria. La nave affondò il 26 luglio 1956 a seguito della collisione con la nave svedese Stockholm e Calamai, nei minuti e nelle ore successive al disastro, organizzò il salvataggio dei circa 1.600 passeggeri. Calamai, che avrebbe voluto affondare insieme alla nave secondo un’antica tradizione del mare, fu convinto dagli altri ufficiali a salvarsi scendendo su una scialuppa.

"Ricordare chi non c’è più è un preciso dovere di ogni comunità – dichiara l’assessore ai servizi civici Massimo Nicolò – a maggior ragione se si tratta di uomini e donne che hanno segnato la storia recente della nostra città. L’intitolazione della passerella pedonale sul Polcevera alle 43 vittime del crollo di ponte Morandi nasce dalla volontà di rendere omaggio alla memoria di queste persone e alla sofferenza delle loro famiglie, e fare in modo che queste tragedie non si ripetano mai più. Nel caso del comandante Calamai, invece, è doveroso ricordare l’atto di eroismo con il quale salvò la vita a molte centinaia di persone".