Condividi:


Genova, lunedì 6 aprile partiti i tamponi in auto

di Andrea Carozzi

Alla Fiera di Genova, i pazienti non scendono dal veicolo

Sono cominciati questa mattina, alle 12, presso il padiglione Jean Nouvel i tamponi “drive through”, quelli che verificano la negatività e di conseguenza la non infettività delle persone che hanno sconfitto il coronavirus ma che sono ancora in quarantena presso il proprio domicilio.

“ Questa operazione ci consente di verificare la completa guarigione e l’impossibilità di trasmettere il coronavirus da parte di coloro che hanno affrontato covid-19” ha spiegato Luigi Carlo Bottaro, direttore Generale della Asl3.

“Grazie a questi tamponi, che vengono fatti senza far scendere le persone dalle proprie autovetture riusciamo a verificare la completa asintomaticità in tempi molto rapidi, garantendo a chi risulta negativo, il ritorno al lavoro” ha concluso il direttore Generale di Asl3.

“È un provvedimento che consente a chi ha superato la malattia e sta bene di poter riprendere le proprie attività il più velocemente possibile, soprattutto se si tratta di lavoratori appartenenti a categorie fondamentali come quella della sanità, dell’ordine pubblico o dei trasporti” ha aggiunto Roberto Rosselli Responsabile della prevenzione in Asl 3.

Avviene tutto in pochi minuti - sottolinea Rosselli - le persone accendono in auto al padiglione e un sanitario provvede a fare il tampone attraverso il finestrino della vettura, questo garantisce anche un risparmio sui dispositivi di protezione individuale visto che si coinvolge un operatore sanitario per volta”.

Occorrono due tamponi negativi, fatti a distanza di 24 ore l’uno dall’altro per essere giudicati guariti definitivamente dal coronavirus e la procedura “drive through” promette di diminuire sensibilmente sia i tempi di attesa che l’iter delle analisi vere e proprie.

" I cittadini interessati verranno convocati in determinati luoghi che raggiungeranno in auto per essere tamponati rimanendo seduti nella vettura per poi tornare immediatamente al domicilio, dove rimarranno in isolamento fino all’esito dell’esame", ha infine dichiarato dichiara Regione Liguria

La convocazione arriverà direttamente tramite le Asl di appartenenza, vietato dunque auto presentarsi nella speranza di ricevere il tampone. Chi lo facesse rischierebbe infatti la multa.