Condividi:


Genova, Boero cede la maggioranza ad un gruppo portoghese

di Gregorio Spigno

Non ancora rese note le quote: secondo indiscrezioni, la famiglia genovese manterrebbe circa il 16%

Boero ha ceduto la maggioranza a Cin, colosso portoghese della famiglia Serrenho. L'alleanza sul mercato, in realtà, andava avanti già da una decina d'anni: la famiglia portoghese, infatti, era in possesso di una piccola quota e portava avanti collaborazioni da diverso tempo.

Boero, azienda storica fondata nel 1831, nel 2020 ha maturato un fatturato pari a 90 milioni di euro, ai quali, oggi, si aggiungono i 241 dei Serrenho: con questa fusione, il gruppo diventa a tutti gli effetti uno tra i quaranta più importanti del mondo per dimensione.

Una decisione difficile, quella presa da Andreina Boero, ma necessaria per portare avanti l'azienda: Cin è molto attiva in ambito industriale, mentre Boero in yachting. I due gruppi andranno a completarsi, mentre l'opportunità di espandersi in Portogallo, Spagna, Francia, Polonia, Turchia, Africa e Sud America (Paesi in cui la famiglia Serrenho è già molto attiva) è ormai realtà. 

Tutti i 320 addetti della Boero sono stati riconfermati, così come gli incarichi

"Genova non perde Boero, ma la ritrova rafforzata e attraente per investimenti stranieri" ha sottolineato Andreina, presidente onorario del gruppo.