Condividi:


Genova, al Villa Scassi il punto nascite per le mamme negative al Covid 19

di Redazione

"E' una riorganizzazione complessiva per non lasciare da sole le donne" spiega il dottor Vallerino, direttore di Ostetricia e Ginecologia all'Asl 3

L'emergenza Covid ha reso necessaria una riorganizzazione complessiva dei punti nascita, in modo da separare le mamme positive da quelle negative e garantire a tutte un'assisitenza adeguata.

"C'è stata una riedizione dei punti nascita dell'Asl 3, e il Villa Scassi è stato designato come ospedale per le mamme non covid", spiega il dottor Gabriele Vallerino, direttore di Ostetricia e Ginecologia dell'Asl 3. "A partire dalla 37esima settimana iniziamo a fare i taponi orofaringei per le mamme settimanalmente, in modo da capire in che maternità indirizzarla".

Tra le donne in attesa c'è un po' di timore nell'avvicinarsi ad ambulatori ed ospedali per le visite di controllo, ma questa paura non ha ragione di essere, come sottolinea il dottor Maurizio Podestà, responsabile di Ostetricia e diagnosi prenatale all'Asl 3: "E' compito di noi medici rassicurarle e far capire che offiramo percorsi in totale sicurezza dalle prime fasi della gravidanza fino al momento del parto".