Genova, 32 cori cantano insieme "Ma se ghe penso" per il Gaslini

di Redazione

Decine di coristi uniti via web per promuovere la raccolta del 5x1000 per l'ospedale pediatrico, sulle note della più famosa delle canzoni genovesi

Decine di cantanti provenienti da 32 cori diversi, ognuno davanti al proprio computer, per promuovere la raccolta del 5x1000 in favore del Gaslini di Genova. Ad unirli, le note dell' "inno" di Genova, "Ma se ghe penso". E' questo lo spirito del video presentato oggi in Sala Trasparenza della Regione Liguria: un simbolo della solidarietà di Genova per una delle sue strutture sanitarie più importanti.

"Tutte le forme d'arte, compreso il canto, sono molto utili per accompagnare le terapie", dice Paolo Petralia, direttore generale dell'Istituto Giannina Gaslini di Genova. "Da noi arrivano bimbi da tutto il mondo: è bello che la colonna sonora di questo video sia una canzone profondamente genovese, un simbolo della città che li ospita". 

Alla presentazione del video erano presenti anche Massimo Corso, direttore dello storico coro Monte Cauriol, la neo presidente dell’ACOL (Associazione gruppi corali liguri)  Daniela Ottobrin e l'assessore alla cultura della Regione Liguria Ilaria Cavo