Condividi:


Elezioni regionali, Forza Italia, Polis e Liguria Popolare trovano la quadra per le liste

di Redazione

Risolto il nodo delle candidature ad Imperia: Filippo Bistolfi (FI) fa un passo indietro in favore della madre, Ada Cassini. Capilista Muzio, Costa, Balestra e Sappa

Era nell'aria da tempo, ma questa mattina è diventato ufficiale: Forza Italia, Polis e Liguria Popolare si sono accordate per definire la loro lista unitaria per correre insieme alle elezioni regionali del 20 e 21 settembre. 

Dopo aver confermato la volontà di presentarsi uniti alle elezioni, le forze politiche che compongono il gruppo si sono confrontate a lungo per individuare i candidati per ogni provincia ligure. Particolarmente difficile da risolvere era il rebus liste della provincia d'Imperia: la nuova legge elettorale della Regione Ligura prevede l'alternanza di genere tra i candidati, ma tutti e tre i partiti avevano proposto degli uomini, Filippo Bistolfi (Forza Italia), Filippo Bissolotti (Liguria Popolare) e Luigi Sappa (Polis). Nella giornata di domenica 9 agosto si è trovata la soluzione: Bistolfi ha fatto un passo indietro in favore dalla madre, Ada Cassini, che quindi correrà in "tandem" con Sappa e Bissolotti.  Filippo Bistolfi diventerà vice coordinatore ligure di Forza Italia

I capilista saranno i consiglieri regionali uscenti Claudio Muzio per la circoscrizione di Genova e Andrea Costa per la circoscrizione della Spezia, il sindaco di Villanova d’Albenga Pietro Balestra  per la circoscrizione di Savona e per la circoscrizione di Imperia l’ex sindaco della città ed ex presidente della Provincia Luigi Sappa.

In una nota congiunta, i tre leader dello schieramento Carlo Bagnasco (coordinatore ligure di Forza Italia), Andrea Costa (leader di Liguria Popolare) e Claudio Scajola (fondatore dell'associazione Polis)  hanno commentato l'accordo: “Mettiamo in campo liste competitive, espressione di competenza e di robusto radicamento sul territorio, formate da candidati che si riconoscono nei valori moderati, popolari, cristiani, liberali, europeisti e garantisti che stanno alla base del nostro progetto politico. La nostra lista unitaria rappresenta la vera novità di queste elezioni regionali. Abbiamo voluto dare vita ad un’alleanza il cui obiettivo è quello di rafforzare e dare più peso alla componente moderata del centrodestra, mettendo insieme forze, energie e competenze fino ad oggi disperse in tanti rivoli. Dalla Liguria giunge forte e chiaro un segnale di portata nazionale: è finito il tempo della diaspora dei moderati ed è iniziato quello della costruzione di una casa comune. Lo chiede, come emerge anche dai sondaggi, una parte importante dell’elettorato ligure e italiano”.