Condividi:


Genova, i ristoratori: "Dehors gratis anche nel 2022? Così la città è più bella"

di Redazione

Parere positivo in piazza Colombo sul probabile prolungamento della concessione: "Speriamo di tornare alla normalità con vaccini e green pass"

Dehors gratuiti anche nel 2022, la notizia che tanti ristoratori di Genova stavano aspettando ancora non è ufficiale, ma è sempre più probabile. A confermarlo è stato l'assessore al commercio Paola Bordilli, che ha spiegato nei giorni scorsi come "la fine dell’emergenza sanitaria non coinciderà con la fine della crisi. Per questo lavoreremo in questi mesi con le categorie per verificare come affrontare il 2022. È necessario un forte sostegno da parte della giunta comunale. Lo abbiamo sempre fatto e inoltre questi spazi hanno aggiunto una nota di bellezza sia nel centro città che nelle delegazioni, offrendo una immagine di città europea".

Un parere confermato anche dai ristoratori di Piazza Colombo, concordi nell'utilità dei dehors e della bellezza che portano alla città di Genova: "Sarebbe una notizia bomba, i dehors quest'estate hanno dato modo alle attività di avere una visibilità e una boccata d'ossigeno non indifferente, a fronte di 10 mesi di lockdown nei quali abbiamo sofferto molto. Ben vengano queste concessioni, con i dehors che aumentano anche il fascino della città. Siamo riusciti a trasformare Piazza Colombo da un posteggio di automobili a un dehor alla francese e abbiamo riscontrato grande entusiasmo anche da parte dei turisti nel sedersi nei tavolini all'aperto. Siamo contenti di questa notizia".

Qualche preoccupazione per l'arrivo dell'inverno, ma la volontà di fronteggiare anche l'inevitabile abbassamento delle temperature e una possibile nuova ondata di contagi: "Sicuramente la crisi non finirà nell'anno nuovo, possiamo solo incrociare le dita e scongiurare una nuova ondata. Speriamo che con una massa di popolazione sempre più vaccinata e l'utilizzo del Green Pass si possa trovare un po' di normalità. Nella stagione invernale, il dehor non ha la stessa efficacia che ha in estate e bisognerà forse ricorrere a qualche soluzione alternativa, però attraverso sistemi di riscaldamento potremo comunque fornire un servizio che darà modo ai clienti di consumare la cena o il pranzo in serenità".