Condividi:


Culmv Porto di Genova, rinnovato fino al 30 giugno il contratto dei lavoratori somministrati

di Marco Innocenti

Si tratta di un centinaio di lavoratori, altamente specializzati, con un'età compresa fra i 35 e i 40 anni

Ai lavoratori somministrati impiegati presso la Compagnia Unica Paride Batini del Porto di Genova verrà rinnovato il contratto di lavoro sino al prossimo 30 giugno. E’ quanto previsto dall’Accordo sindacale siglato tra Felsa Cisl, Nidil Cgil e Uiltemp Uil e l’agenzia per il lavoro INTEMPO. L’intesa riguarda circa 100 lavoratori altamente specializzati, con una età media compresa tra i 35 e 40 anni in gran parte con moglie e figli a carico ai quali sarebbe scaduto il contratto a fine mese. Oltre all’organizzazione del lavoro, l’accordo tratta anche i temi della formazione e prevede incontri mensili tra le parti utili a monitorare l’andamento dei picchi di lavoro e l’applicazione di quanto contenuto nel verbale.

"Abbiamo tutti convenuto sulle competenze dei lavoratori somministrati presso CULMV - spiega Laura Tosetti segretario generale Nidil Cgil Genova - In particolare noi organizzazioni sindacali abbiamo rinnovato  l'impegno nei confronti degli interlocutori portuali, in particolare dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, per vedere riconosciute queste professionalità e competenze pregiate da valorizzare all'interno della portualità genovese".

Simone Mara Segretario Generale Felsa Cisl Liguria sottolinea come "continuità occupazionale e  valorizzazione delle professionalità dei lavoratori somministrati sono i principi che continuano a contraddistinguere la nostra azione sindacale al fine di traguardare stabilità di lavoro e di reddito”.

Soddisfazione anche per Roberta Cavicchioli, segretaria generale Uiltemp Liguria "Con la sottoscrizione dell'accordo intendiamo dare concretezza a un percorso che persegue un duplice obiettivo: la salvaguardia dei diritti dei lavoratori anche nell'ottica di preservare il patrimonio di competenze e conoscenze da loro rappresentate, e l'integrazione degli stessi nel  sistema attraverso gli strumenti della formazione e il coinvolgimento dell’Autorità di Sistema".

Per Felsa, Nidil e Uiltemp, negli anni i lavoratori somministrati hanno contribuito al raggiungimento di importanti obiettivi di produttività e l’accordo sottoscritto ne ribadisce la strategicità per la portualità dello scalo genovese.