Condividi:


Covid, Bassetti: "Ok al vaccino russo, è una guerra contro il tempo"

di Alessandro Bacci

L'infettivologo: "Se gli italiani non hanno la polmonite non vanno negli ospedali e non muoiono. Questo è l'obiettivo che dobbiamo porci"

Se riusciamo a mettere in sicurezza gli ultra 80enni entro l'estate, la prossima estate sarà un'estate di luce come era stata lo scorso anno. Senza ovviamente esagerare ma se mettiamo in sicurezza le persone fragili avremo fatto un grandissimo passo verso l'uscita". Lo ha detto il primario della clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, Matteo Bassetti, a Tv2000 ospite del programma 'Il mio medico'.

"Quello che mi interessa - ha spiegato Bassetti - non è avere il raffreddore ma che non mi venga la polmonite. Perché se gli italiani non hanno la polmonite non vanno negli ospedali e non muoiono. Questo è l'obiettivo che dobbiamo porci. Quindi ok anche al vaccino russo di ottima efficacia. Poi arriverà quello di Johnson & Johnson. Dobbiamo aprire il più possibile ad altri vaccini perché questa è una guerra contro il tempo".