Condividi:


Anche in Liguria manifesti 'choc' contro la pillola abortiva

di Redazione

"Prenderesti mai del veleno? Stop a pillola abortiva Ru486" è lo slogan lanciato dall'organizzazione Pro Vita e Famiglia

Prenderesti mai del veleno? Stop alla pillola abortiva Ru486, mette a rischio la salute e la vita della donna e uccide il figlio nel grembo": è il testo riportato su maxi manifesti a apparsi in numerose città italiane, anche in Liguria, per denunciare l'aborto farmacologico realizzati da Pro Vita e Famiglia. La stessa organizzazione, in una nota, definisce choc i manifesti spiegando che è partita la campagna nazionale #dallapartedelledonne "La pillola Ru486 si può assumere fino alla nona settimana e in day hospital senza ricovero - viene sostenuto nella nota - per una decisione presa dal Ministro della Salute Roberto Speranza con le nuove Linee Guida di Agosto fatte alla chetichella in estate, come 'i ladri che vengono di notte'. E tutti si sono messi a festeggiare. Ma questa o è ignoranza o è frutto di una vergognosa manipolazione mediatica. Sapete che la Ru486 può causare emorragie, gravidanze extra uterine, infezioni, setticemie, distruzione del sistema immunitario, depressione e anche la morte? Per approfondimenti telefonare a Renate Klein, attivista pro-choice e femminista radicale".

"Assumere la pillola Ru486 - ha aggiunto il Presidente Toni Brandi - è dolorosissimo: sai quando inizi ma non sai quando finirà, possono passare tantissime ore, anche giornate intere prima che inizi il travaglio che provoca l'espulsione del bambino. Il 56% delle donne riconosce poi il figlio innegabilmente formato sulla propria mano o nel wc. E allora sì che il dolore è atroce, si è spesso da sole, in bagno, con la più grande bugia. E' per questo che vogliamo risvegliare la conoscenza e le coscienze delle persone, perché non vengano raccontate falsità su questo farmaco tanto dannoso per le donne".