Condividi:


Acquario di Genova, 4 nuovi nati nella vasca dei pinguini

di Marco Innocenti

L'ultimo nato è un pulcino di pinguino Papua. Nelle ultime settimane si sono schiuse anche tre uova di pinguino di Magellano

Nella vasca subantartica dell'Acquario di Genova dedicata ai pinguini, la vita si rinnova: Kowalski, primo pinguino Papua (Pygoscelis papua) a nascere all’Acquario nel luglio 2017, è diventato papà. Il piccolo è nato il 2 luglio da un uovo deposto il 24 maggio nel nido di ciottoli fatto da papà Kowalski e mamma Rosi, una pinguini nata nel 2006. L’uovo è stato covato alternativamente dai genitori che provvedono ora a nutrire il piccolo rigurgitando direttamente nel suo becco alimenti pre-digeriti. Kowalski, alla sua prima esperienza da genitore, e la mamma non abbandonano mai il nido contemporaneamente e sono molto attenti a proteggere il pulcino.

Il piccolo è visibile dal pubblico nel suo nido, all’interno della vasca dei pinguini, tra le zampe dei genitori che si alternano a sfamarlo. Per poterlo nutrire, mamma e papà mangiano una quantità di cibo 2-3 volte maggiore rispetto alla dieta normale. Crescendo, il piccolo sarà sempre più visibile, pur rimanendo nel nido sotto l’attenta sorveglianza dei genitori.

Il piccolo raggiungerà lo svezzamento intorno agli 80-90 giorni di vita, mentre intorno ai due mesi e mezzo farà la prima muta, passando dal piumaggio grigio alle piume impermeabili che gli consentiranno l’ingresso in acqua. Per conoscere il sesso, è necessario aspettare quel momento e prelevare una piuma per effettuare il test del DNA.

Nella vasca in queste settimane si sono schiuse anche tre uova di pinguino di Magellano (Spheniscus magellanicus) e i pulcini si trovano al momento nei rispettivi nidi, accuditi da mamma e papà. Non saranno visibili al pubblico fino al momento in cui usciranno dal nido, probabilmente nel mese di agosto. I piccoli pinguini - uno nato dalla coppia “Giallo” e “Verde-Nera” e due nati da una cova “gemellare” di “Verde” e “Blu-Nera” - sono nati a metà giugno da uova deposte nei nidi ad inizio maggio. Anche per i pinguini di Magellano i genitori covano le uova alternativamente per tutto il tempo dalla deposizione alla schiusa. Sia mamma che papà provvedono ora a nutrire i pulcini rigurgitando alimenti predigeriti direttamente nel becco. Mamma e papà non abbandonano mail il nido contemporaneamente.

I pulcini raggiungeranno l’indipendenza in un periodo variabile tra le 9 e le 17 settimane, a seconda della quantità e qualità del cibo ricevuto; anche la peluria grigia verrà ben presto sostituita dal caratteristico piumaggio bianco e nero degli adulti. Solo dopo aver fatto la prima muta, passando dal piumaggio grigio alle piume impermeabili, faranno la loro prima nuotata. I pinguini di Magellano vivono lungo le coste orientali e occidentali del Sud America a partire da Cile e Argentina fino a Capo Horn e alle isole Falkland.

La vasca dei pinguini dell’Acquario di Genova ospita 12 pinguini Gentoo e 14 pinguini di Magellano, oltre ai pulcini appena nati. Il lato terrestre riproduce i due habitat delle specie ospitate ricreando le condizioni ideali per la riproduzione e l’allevamento dei pulcini.