Condividi:


A10 in tilt, la posizione di Aspi: "I cantieri urbani bloccavano deflusso"

di Edoardo Cozza

La direzione Tronco di Genova pronta a un confronto con gli enti locali per ottimizzare le attività dei lavori

La chiusura della scorsa notte in A10, nel tratto tra Arenzano e Bivio A26/A10 in direzione Genova, "rientra nel programma di lavorazioni notturne aggiornato settimanalmente, nell'ambito della attività di gestione della viabilità generale con tutti gli Enti locali, le Autorità e il Mims". Lo si legge in una nota di Aspi.

"A partire dalla mezzanotte, a ridosso del casello di Arenzano, si sono registrati rallentamenti generati dall'impossibilità della viabilità urbana di ricevere i veicoli in uscita". Sull'Aurelia "erano attivi due sensi unici alternati, regolati da due semafori, per consentire l'operatività di due cantieri posizionati a 300 metri di distanza l'uno dall'altro. A generare l'accodamento sulla viabilità esterna alternativa all'autostrada, dove erano in corso programmate ispezioni notturne, è stato, secondo le verifiche effettuate con gli enti interessati, l'estrema vicinanza dei due cantieri e delle semaforizzazioni per la gestione del senso unico esterno sulla Aurelia. Grazie al coordinamento tra Direzione di Tronco di Genova di Aspi, Polstrada e strutture tecniche degli altri gestori, è stato predisposto un piano di assistenza agli utenti. Contemporaneamente - prosegue la nota - è stata avviata la rimozione del cantiere in A10 e di quelli su strada. Il decongestionamento del traffico sulla Aurelia, operato da Anas e Polstrada e la liberalizzazione dell'uscita di Arenzano da parte di Aspi hanno consentito a partire dalle 3 un rapido deflusso dei veicoli, naturalmente esentati dal pedaggio".

La Direzione di Tronco di Genova di Aspi, conclude la nota "rinnova la propria disponibilità a rafforzare la collaborazione con gli enti locali per valutare ulteriori soluzioni per ottimizzare la programmazione delle attività. Nei prossimi giorni vi sarà confronto con Autorità e Enti locali per esaminare le soluzioni per una migliore gestione in caso di contemporaneità dei cantieri stradali e autostradali. In particolare Anas e Comune di Genova dovranno valutare la rimozione dei due cantieri sulla ss1 in vista della chiusura della tratta autostradale a partire dal prossimo 16 agosto".